Skip to main content

Il MEF pronto a censire chi opera in criptovalute

In consultazione pubblica lo schema di decreto. È il primo tentativo in Italia di rilevazione sistematica del fenomeno.

Un registro per censire tutti gli operatori italiani del settore criptovalute.

È questo l’obiettivo dello schema di decreto ministeriale che in consultazione pubblica (fino al 16 febbraio) sul sito del Dipartimento del Tesoro del Ministero dell’Economia e delle Finanze.

Il Governo si era già mosso in questa direzione lo scorso anno (con il decreto legislativo del 25 maggio n.90) che prevedeva che chi operava con criptovalute doveva assolvere agli obblighi antiriciclaggio per evitare che le transazioni effettuate potessero essere utilizzate per fini illegali.

Lo schema di decreto ministeriale  prevede per chiunque sia interessato a svolgere sul territorio italiano l’attività di prestatore di servizi relativi all’utilizzo di valuta virtuale, l’obbligo di comunicazione al Ministero dell’Economia e delle Finanze. Il provvedimento in consultazione chiarisce che la valuta virtuale seppur

«utilizzata come mezzo di scambio per l’acquisto di beni e servizi (…) non è emessa da una banca centrale o da un’autorità pubblica, non è necessariamente collegata a una valuta avente corso legale». 

Lo schema di decreto disciplina le modalità con cui i prestatori di servizi relativi all’utilizzo di valuta virtuale sono tenuti a comunicare al MEF la loro operatività.

La novità sta nel fatto che sono inclusi nell’obbligo di comunicazione anche gli operatori commerciali che accettano le valute virtuali quale corrispettivo di qualsivoglia prestazione avente ad oggetto beni, servizi o altre utilità.

Con questo sistema di registrazione, il Governo punta a realizzare una prima rilevazione sistematica del fenomeno (finora valutato solo dal punto di vista fiscale), a partire dalla consistenza numerica degli operatori del settore. La seconda tappa è l’iscrizione degli operatori in uno speciale registro tenuto dall’OAM (Organismo degli Agenti e dei Mediatori).

Naturalmente, tutto dipenderà anche dalle incombenti elezioni politiche previste per il 4 marzo prossimo.

mm

Riccardo

Sono Riccardo e sto ancora cercando di far capire a mia nonna che significa fare il trader. Delle criptovalute mi affascina il senso di libertà che generano. E i guadagni che permettono!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *